L'efficacia dei varchi elettronici



Pirata della strada rintracciato grazie all'impiego della videosorveglianza a Riolo Terme

Sabato 12 Settembre 2015 - Riolo Terme
E' stato identificato grazie ai sistemi di videosorveglianza appena installati sulla Casolana il conducente del fuoristrada che sabato scorso ha investito un ciclista a Casola Valsenio fuggendo senza prestare assistenza. Nella mattinata di sabato 5 settembre, un fuoristrada Land Rover Freelander di colore verde scuro, condotto da un uomo di mezza età, ha urtato un ciclista procurandogli lesioni e fuggendo. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e la pattuglia della polizia municipale associata.
 

Le Forze dell'ordine hanno verificato il possibile passaggio del veicolo nelle telecamere dotate di varco lettura targhe poste all’ingresso del comune di Riolo Terme. Il conducente, un uomo residente a Casola Valsenio, dopo il sinistro, aveva infatti continuato la marcia raggiungendo appunto Riolo Terme e risultando chiaramente identificabile dai sistemi di lettura targhe municipali. I filmati sono stati quindi messi a disposizione dei Carabinieri per il proseguimento delle indagini e per le denunce penali di rito.


Videosorveglianza e varchi di lettura targhe identificano il presunto pirata di Castel Bolognese


La Polizia municipale cercava il veicolo che sabato pomeriggio ha investito un ciclista senza fermarsi a prestare soccorso: il conducente dice di non essersi accorto di nulla.

Risolto con l'aiuto dei sistemi di videosorveglianza e dei varchi di lettura targhe il caso dell'identificazione del presunto pirata stradale che sabato pomeriggio avrebbe investito un ciclista in stazione a Castelbolognese senza fermarsi per prestare soccorso. La polizia municipale del comprensorio faentino è riuscita ad identificare il conducente che è stato visto allontanarsi dal luogo in cui un ciclista è caduto per motivi che sono al vaglio degli organi di vigilanza. L'unica certezza al momento deriva dal fatto che l'utente debole ha riportato ferite leggere giudicate guaribili in 7 giorni.

Il resto della vicenda è tutto da ricostruire perchè il conducente del mezzo a motore ritiene di non aver notato nulla e per questo di essersi allontanato indisturbato dal luogo della caduta.
Per l'identificazione del veicolo sono state determinanti le telecamere di videosorveglianza in alta definizione che sono installate in tutto il comune. Ma soprattutto i varchi di controllo delle targhe. Interrogando questo sistema, infatti, solo con qualche lettera della targa fornita da un testimone è stato possibile identificare il veicolo. È bastato visionare i pochi veicoli transitati a Castelbolognese con quelle precise lettere per identificare il conducente del mezzo che è stato visto allontanarsi.

Pesaro: furti in abitazione, operazione dei carabinieri, ritrovati monili e preziosiRefurtiva ritrovata grazie alle foto scattate dalla telecamera di lettura targhe all'ingresso di Pesaro

L’annuncio era stato dato durante la presentazione del tour della sicurezza: telecamere di sicurezza per Pesaro, sia come effetto deterrente che come vero e proprio occhio in grado di registrare il passaggio di possibili ladri, rapinatori, veicoli rubati o delinquenti. L’altra sera, durante l’incontro a Borgo Santa Maria, per parola di del comandante della Municipale Gianni Galdenzi, si è entrati nel dettaglio: una telecamere fissa fuori dal casello autostradale di Pesaro in grado di registrare le targhe dei mezzi in entrata e in uscita. Le domande ora diventano: quando diventerà realtà? Sarà l’unica? In quali altre zone di Pesaro potrebbero servire altre videocamere? 

Intanto, i carabinieri di Pesaro hanno annunciato una conferenza stampa per illustrare gli sviluppi di una operazione tuttora in corso finalizzata ad individuare gli autori di furti in abitazioni di questa provincia. Al momento sono stati sequestrati numerosi monili in oro e preziosi: saranno mostrati al fine di individuare i legittimi proprietari.
it
en