UTILITA' di un sistema distribuito di LETTURA TARGHE

Il caso  della Pedemontana: individuati 4.600 veicoli rubati, indagini utili per un duplice omicidio

40 Milioni di transiti registrati, di cui 4.626 riguardano veicoli rubati, e più di 300 mezzi sanzionati perché privi di revisione o assicurazione. Questi i numeri del sistema “Occhi Vigili”, messo in piedi nel 2016 con un investimento di 400 mila euro dall’Unione Pedemontana Parmense ed entrato in funzione, in modo graduale, a partire dallo scorso settembre. Un sistema imponente, con 48 telecamere in grado di leggere le targhe (OCR) SELEA TARGA 704, più altre 51 di contesto, posizionate sulle arterie dei cinque comuni dell’Unione (Collecchio, Felino, Sala Baganza, Montechiarugolo e Traversetolo), che sta dando un aiuto prezioso alle forze dell’ordine nella lotta alla criminalità, come è accaduto ad esempio all’inizio dell’anno, quando ha permesso di incastrare gli autori di un duplice omicidio, o qualche settimana fa, con il furto sventato a Traversetolo. Ma non solo. Grazie alle telecamere sono state recuperate auto rubate, l’ultima soltanto nella notte di lunedì 10 aprile, e sono state individuate alcune auto “pirata” che si sono date alla fuga dopo aver causato incidenti.

Quello del sistema “Occhi Vigili” SELEA è un successo a tutto campo, al punto che nei giorni scorsi l’Unione Pedemontana ha deciso di stanziare altri fondi, tra i 150 e i 200 mila euro, per posizionare altre telecamere, non solo sulle strade ma anche nei “luoghi sensibili”. Il primo bilancio sull’attività di videosorveglianza nei comuni della Pedemontana è stato illustrato nella mattinata di martedì 10 aprile, durante una conferenza stampa convocata nel Municipio di Felino. «I risultati del progetto sono buoni – ha affermato soddisfatta Elisa Leoni, assessore alla Sicurezza dell’Unione e sindaco di Felino –. Un progetto che rientra in un programma più ampio per dare ai cittadini una protezione sempre maggiore, nel quale rientra anche il controllo di vicinato, già partito nei comuni di Montechiarugolo e Traversetolo, che nei prossimi mesi verrà avviato anche a Felino.  Rete che, è bene ricordarlo, non può sostituire il lavoro degli agenti, ma può essergli di grande aiuto».

Per il presidente dell’Unione Luigi Buriola, i risultati del progetto “Occhi Vigili” rappresentano un premio alla logica seguita dagli amministratori dell’Ente sovracomunale, «la logica – ha sottolineato – che lavorare insieme all’interno di un sistema è più funzionale e dà risultati migliori rispetto a quanto potrebbe fare un singolo Comune, che non avrebbe certo la forza per realizzare, da solo, un sistema simile. Per questo credo si debba continuare su questa strada, rendendo la rete di telecamere sempre più efficace insieme al controllo di vicinato. A Montechiarugolo e Traversetolo, infatti, stando ai dati del Ministero degli Interni in questi primi mesi del 2017 i reati sono calati del 60% ».

Il comandante della Polizia Pedemontana, Franco Drigani, ha ricordato come la scelta di mettere la sicurezza al centro dell’attività amministrativa dell’Unione sia stata fondamentale per dotare il territorio degli strumenti necessari al contrasto dei reati: «Già i 40 milioni di transiti registrati è un dato indicativo del risultato raggiunto (PS: e di un sistema che funziona alla perfezione). Abbiamo iniziato a lavorare in maniera congiunta con le altre forze dell’ordine, in modo vero e fattivo, e il calo dei reati è molto significativo. Possiamo dire che il bicchiere è mezzo piano, ma dobbiamo proseguire perché non abbiamo certo risolto tutti i problemi. Grazie alle telecamere, però, sono stati sventati furti, come accaduto nelle settimane scorse a Traversetolo, e sono state chiuse indagini importanti, come quella di un duplice omicidio».

E a rimarcare quanto gli “Occhi Vigili” siano stati utili alle forze dell’ordine, ci ha pensato il comandante della Stazione dei Carabinieri di Sala Baganza, Claudio D’Agostino: «Il fatto di avere i tracciati dei percorsi delle auto sospette o rubate, è un aiuto fondamentale, soprattutto di notte. Questi tracciati ci permettono di far convergere i mezzi dove servono – ha aggiunto –, permettendoci di intercettarle e fermare chi è pronto a commettere reati, o li ha già commessi. Proprio la scorsa notte, a Sala Baganza abbiamo fermato un’auto rubata intercettata dalle telecamere e preso i responsabili del furto».

Oltre ad aumentare il numero delle telecamere, entro l’anno il sistema di videosorveglianza verrà integrato con gli occhi elettronici dell’Unione Montana Est, dove verrà realizzato un progetto analogo, che prevede nuovi sistemi OCR per il riconoscimento delle targhe. «Un altro passo importante – ha concluso Drigani – che ci permetterà di sviluppare una nuova sinergia in linea con le direttive regionali, che incoraggiano le collaborazioni tra i corpi di Polizia Locale degli enti sovracomunali».

I numeri:

  • 51 telecamere di contesto
  • 24 varchi elettronici di lettura targhe SELEA in entrata e in uscita per un totale di 48 telecamere OCR TARGHA704
  • 39.810.059 transiti registrati
  • 4.626 transiti di autovetture rubate
  • 272 veicoli sanzionati perché sprovvisti di revisione (Art. 80 CdS)
  • 52 veicoli sanzionati perché sprovvisti di assicurazione (Art. 193 CdS)


Transiti per comune

  • MONTECHIARUGOLO 7.059.283
  • FELINO 9.410.393
  • SALA BAGANZA 7.409.721
  • TRAVERSETOLO 6.915.151
  • COLLECCHIO 9.015.511


Data: 12 aprile 2017

Fonte http://www.parmatoday.it/cronaca/telecamere-videosorveglianza-pedemontana.html
it
en