PISA

Venti contravvenzioni al giorno 
Oltre 7.000 sanzioni nel 2016 agli automobilisti che entrano nei varchi senza avere le autorizzazioni Scoperti anche 41 B&B abusivi e pizzicati 300 conducenti al volante di macchine non assicurate.

A fronte di una diminuzione del personale, il bilancio 2016 delle attività svolte dal comando di via Battisti registra un numero elevato di controlli e sanzioni, resi possibili anche grazie all'impiego della nuova strumentazione elettronica di cui si è dotata la polizia municipale: Targha 193 di Selea, una sistema che consente di verificare se un veicolo è assicurato, se è in regola con la revisione e se è oggetto di furto che ha permesso di elevare oltre 300 sanzioni per mancanza di copertura assicurativa e mancata revisione.
 
Targha 193 ha inoltre permesso di scoprire una truffa di un assicuratore pisano, attraverso l'individuazione di molti veicoli che risultavano privi di copertura Rc auto nonostante i regolari pagamenti effettuati dagli ignari proprietari. A questi si aggiungono 170 sequestri amministrativi. Nel 2016, i caschi bianchi pisani hanno effettuato anche numerosi controlli nel settore dell'autotrasporto, con oltre 50 sanzioni elevate per violazione dei tempi di guida e di riposo dei conducenti.

«L'analisi di questi numeri - sottolinea il comando - spinge a non abbassare la guardia per continuare a contribuire e a migliorare la sicurezza stradale e a ridurre il numero dei sinistri stradali, ancora troppo elevato». Nel 2016 si sono registrati sul territorio comunale 1.365 incidenti (1.249 del 2015), di cui 4 mortali e 9 con prognosi riservata. «L'impegno sulla sicurezza - aggiunge la polizia municipale - proseguirà anche con le attività di educazione stradale rivolte ai giovani».

A cui si aggiungeranno quelle del nucleo controllo attività produttive che, nel 2016, ha portato ad elevare 155 multe per occupazioni abusive sul suolo pubblico; oltre 100 per pubblicità abusiva; 87 per mancata esposizione dei prezzi dei prodotti esposti, attività commerciali abusive, mancato versamento dei contributi Inps e vendite di fine stagione fuori regola e 13 multe per la violazione delle norme sull'inquinamento acustico. Notevole anche l'impegno della polizia giudiziaria che ha visto crescere il numero delle indagini condotte, le notizie di reato inoltrate alla Procura, le identificazioni e i deferimenti.

Data: 15 marzo 2017
it
en